Skip to main content

Unicomm

I punti vendita Unicomm, sicurezza tangibile

La sicurezza è uno dei valori fondanti in casa Unicomm

Unicomm rappresenta una delle realtà più importanti a livello nazionale nell’ambito della Grande Distribuzione Organizzata che, con le insegne di proprietà Famila, A&O, Cash and Carry, Emi Supermercati, Emisfero Ipermercati, Mega, Hurrà e Guarnier Catering, si è affermata con oltre 200 punti vendita nel suolo nazionale. La filosofia aziendale di Unicomm si basa sulla soddisfazione della persona, in termini di relax e tempo libero, attraverso una spesa che sia conveniente, di qualità e sicura. La sicurezza è dunque uno dei valori fondanti in casa Unicomm, sicurezza che si declina su vari fronti tra cui la protezione dei punti vendita, per tutelare il benessere e la serenità dei clienti e dei dipendenti.

EL.MO.: una risposta efficace a tutte le esigenze

1

Raccolta dati

2

Posizionamento apparati

3

Relazione Tecnica

4

Computo metrico

5

Schemi a blocchi

6

Schemi collegamenti

1

Raccolta dati
Il servizio svolto dal nostro team interno di Progettazione Sistemi verso il committente UNICOMM è un’attività continuativa svolta nel tempo in supporto allo studio di progettazione incaricato. Questa attività è richiesta in concomitanza di nuove aperture per nuovi punti vendita o per la ristrutturazione di punti vendita esistenti. Il numero delle nuove realizzazioni si attesta a circa 20 all’anno, con insegne e format diversificati.

In questo contesto l’attività svolta da PROGETTAZIONE SISTEMI risulta fondamentale. Si parte innanzitutto dal ricevere le planimetrie dei punti vendita con l’indicazione del “merceologico”, ossia la disposizione preliminare dei prodotti e di elementi fondamentali come scaffali, banchi frigo e isole commerciali. Sapere la collocazione di queste strutture è di fondamentale importanza per capire come disporre successivamente i dispositivi. Si passa poi al confronto con la committenza per capire se vi siano zone target o reparti statisticamente più a rischio in termini di furti e taccheggi: queste zone andranno protette con particolare attenzione.

2

Posizionamento apparati
Una volta svolte tutte le analisi e gli approfondimenti preliminari si passa allo sviluppo su pianta, ossia alla collocazione dei dispositivi nelle planimetrie. Nel caso dei punti vendita UNICOMM la soluzione installativa adottata per assolvere al problema della sicurezza dei luoghi target prende il nome di “protezione a trappola”: agendo sulla collocazione strategica delle telecamere e dei vari sensori è possibile creare una serie di aree di rivelazione contigue poste lungo i passaggi obbligati. Sempre in ambito videosorveglianza, viene prevista sempre una protezione esterna perimetrale con particolare attenzione alle zone di carico/scarico e una protezione interna in prossimità di aree merceologiche più soggette a furti come gli alcolici, i cibi in scatola e i dolciumi.

Le telecamere poste in queste zone sono utili sia in ottica di prevenzione/deterrenza sia per l’individuazione dei responsabili di eventuali taccheggi. In base alla conformazione del punto vendita poi, su pianta vengono collocati un numero adeguato di dispositivi per la protezione specifica di lucernai, delle corsie (attraverso sensori e soffitto), delle casse (tramite sensori a lunga portata) o degli ingressi dipendenti. Infine, sempre in base alla struttura del punto vendita, la planimetria aiuta l’attività di pianificazione della protezione di aree critiche come il caveau, il gruppo elettrogeno e le uscite di sicurezza.

3

Relazione tecnica
Le relazioni tecniche sono l’elemento fondamentale per presentare il modo in cui sono stati affrontati gli elementi di criticità. Sebbene UNICOMM cerchi il più possibile di uniformare il format dei suoi punti vendita, ogni struttura commerciale avrà delle peculiarità uniche, come ad esempio finestrature diverse, punti di accesso variabili o sviluppi planimetrici differenti. Il fatto di saper comporre un mix di soluzioni standard unitamente a soluzioni ad hoc costituisce il punto di forza dell’affidare ad un ufficio interno specifiche attività di consulenza in affiancamento ad uno studio di progettazione.

Certe scelte tecniche sono dettate dall’esperienza maturata in oltre 40 anni di attività nel settore GDO. Prova ne sono, la scelta di utilizzare sensori a soffitto in alternativa ai classici sensori volumetrici a parete in base alla conformazione delle corsie, lo sviluppo di soluzioni custom nella protezione di uscite di sicurezza e di locali caveau.

4

Computo metrico
Una volta che lo sviluppo su pianta è stato condiviso con lo studio di progettazione e la committenza, lo step successivo è stata la stesura del computo metrico, con l’indicazione puntuale dei dispositivi da utilizzare. Il computo metrico riporta le descrizioni di ciascun prodotto cosicchè siano evidenti le potenzialità dei sistemi proposti.

5

Schemi a blocchi
Per i punti vendita UNICOMM, in cui il numero di dispositivi è molto elevato (soprattutto per gli ipermercati), gli schemi a blocchi sono i documenti ideali per rendere immediata la comprensione di tutti gli elementi dell’impianto. Partendo dall’elemento fulcro del sistema (ad esempio la centrale antintrusione) viene sviluppato uno schema di tutto il sistema, che comprende i singoli elementi dislocati in campo (sensori, tastiere, contatti magnetici…) e le modalità di connessione. È una tipologia di documento molto utile, che da’ concretezza a quanto indicato nel computo metrico che rappresenta una mera elencazione dei dispositivi.

6

Schemi collegamenti
Una volta concordato i progetti complessivi per uno specifico punto vendita, viene di volta in volta redatta una documentazione ulteriore relativa ai cablaggi: gli schemi di collegamento. Per ogni sistema (antintrusione, tvcc, antincendio e controllo accessi) vengono fatte delle proposte tecniche relative ai cavi da utilizzare (conduttori, sezione, caratteristiche antifiamma…): queste indicazioni vanno poi inviate ai progettisti incaricati dalla committenza per una valutazione più approfondita. Questa tipologia di documentazione scende molto nei dettagli tecnici e rappresenta un supporto molto utile nella fase di progettazione esecutiva e di realizzazione vera e propria degli impianti.